Stanze – esperienze di teatro d’appartamento, la rassegna  di  spettacoli  ideata e curata da Alberica Archinto e Rossella Tansini  in collaborazione con Teatro Alkaest, si svolge  dal 2011 nelle case private, nei musei e nelle case-museo, in studi di artisti e architetti, in laboratori e magazzini.

Alle passate edizioni hanno partecipato attrici, attori e registi fra i più affermati sui palcoscenici italiani di questi anni:  Riccardo Caporossi, Francois Kahn, la Compagnia Marcido Marcidorjs, Federica Fracassi e Renzo Martinelli, Lorenzo Loris e Mario Sala, Roberto Rustioni e Elena Arvigo, Tindaro Granata, Mariangela Granelli e Francesca Porrini, Giancarlo Bloise, Alessandra Cutolo, Daniela Piperno e Tommaso Ragno, Sonia Bergamasco, Fanny & Alexander, Ermanna Montanari e Marco Martinelli, Roberto Abbiati e Matteo Codignola, Mario Perrotta, Milena Costanzo, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Michele Di Mauro, Toni Laudadio, Chiara Guidi, Cristiano Calcagnile e Monica Demuru, I Fratelli Dalla Via, Massimiliano Civica, gli Anagoor, Irene Ivaldi, I sacchi di sabbia, Tommaso Guarino che hanno presentato nelle “stanze” studi, anteprime e spettacoli site specific. 

Quest’anno, fedeli al principio di contribuire alla formazione di un nuovo pubblico per il teatro e di ridurre le distanze tra gli spettatori e le esperienze della scena contemporanea, vogliamo continuare a esplorare nuovi luoghi che alla qualità abitativa aggiungono il loro racconto di storia e a promuovere un confronto fertile fra ambiti e sfere di interesse diversi. Gli appuntamenti saranno uno ogni mese e, con il sostegno di SIAE, l’attenzione si concentrerà sulla diffusione della scrittura contemporanea, sempre indissolubilmente legata e quello che potremmo definire una “drammaturgia dei luoghi”.                                  


                                                                                                                  Alberica Archinto e Rossella Tansini


ALTRE STANZE

contatti.html
stampa.html
archivio.html
chisiamo.html

Siete venuti qui per fare del teatro, ma ora

dovete dirci: a che cosa serve?

Bertolt Brecht, Discorso agli attori-operai danesi

sull’arte della osservazione